Il taccuino di Armando Leotta Rotating Header Image

Il furto d’identità digitale: Byoblu e Google – un caso reale –

Gli addetti ai lavori non perdono occasione per sensibilizzare gli utenti sui rischi del furto d’identità in rete.

L’indiscutibile vantaggio di avere un solo account per governare n servizi ha chiaramente il lato negativo di esporre *tutti* i servizi nel caso di violazione dell’account.

Un esempio per tutti: i servizi Google. Dopo varie ondate di violazioni proveniente apparentemente dalla Cina, a denunciare un furto d’identità è Byoblu di Claudio Messora.

Come potete leggere qui, da ieri non è più in possesso del suo account gmail con il quale, di fatto, governava TUTTI i servizi del gigante di Montain View.

Danno su danno visto che, dalle prime verifiche, sembra che abbiano rimosso l’account (con tutto ciò che questo comporta: contatti, mail, preferenze, youtube…).

Un grande in bocca al lupo a Claudio per la brutta situazione da recuperare: confido (o meglio, spero) in un supporto fattivo e collaborativo di Google stesso.

Lesson learned

I servizi cloud sono una realtà comoda ed economica ma dobbiamo imparare a non fidarci del tutto ed a valutare soluzioni di backup on the cloud direttamente proporzionale alla delicatezza dei dati che esponiamo.

Be Sociable, Share!