Il taccuino di Armando Leotta Rotating Header Image

Le reti sociali ed i nativi digitali: approcci, consapevolezza e riflessioni congiunte #natividigitali

Circa 400 ragazzi tra i 10 ed i 13 anni ed una cinquantina di genitori.

Questi sono i numeri di un ciclo formativo-informativo che ho tenuto in una scuola media nel Lazio.

Consapevolezza e nativi digitali

L’iniziativa, totalmente gratuita, nasce dalla solita voglia di condivisione e dalla consapevolezza che determinati aspetti vadano affrontati nei luoghi, tempi e modi opportuni.

Ecco che prende forma il ciclo dal titolo: “Le reti sociali ed i nativi digitali: approcci, consapevolezza e riflessioni congiunte” che allego di seguito a beneficio di tutti.

L’ausilio multimediale, come vedete, è rappresentato da una presentazione a metà strada tra la demo classica e l’ignite, occasione interessante per saggiare l’interesse di quest’ultima modalità sia da parte dei discenti che degli stessi professori.

In primo luogo, l’approccio ignite è stato particolarmente apprezzato specialmente dai docenti che hanno chiesto dettagli sulla nuova modalità.

In secondo luogo, l’interesse di un buon 90% della platea è stato attento e partecipato.

Osservazioni

Tanti alunni e professori: onore al merito alla dirigenza scolastica che ha creduto in questa iniziativa.

In rapporto, pochi genitori. La sessione dedicata ai genitori, seppur ben pubblicizzata, ha visto adesioni ridotte rispetto alle aspettative ed al numero degli alunni coinvolti.

Dalla sezione “domande & risposte” se da una parte è emerso interesse per modificare la  (prevedibile) ingenuità nella gestione della propria “identità digitale” dall’altra svariate domande specifiche sulle scommesse online, i siti che le accettano e sulla costruzione degli stessi mi hanno indottoancora una volta a riflettere su come sia esplosa negli ultimi anni la questione scommesse online (spesso legate al cyber laundering, riciclaggio online del denaro sporco, ndr) e su quanto i nostri giovani siano impreparati e vulnerabili sebbene smaliziati e informati. Già, il target è proprio i nativi digitali.

Be Sociable, Share!